Phone: 0039-329.435.6146 - Email: sicilyguidetourism@gmail.com

Cosa visitare a Palermo post coronavirus

Cosa visitare a Palermo post coronavirus è un articolo che vi aiuterá ad orientarvi nel panorama dei monumenti visitabili a Palermo in questa stagione turistica 2020. Palermo riparte infatti con il festival RestArt

Il comune di Palermo, insieme all’associazione Amici dei musei siciliani, ha deciso di garantire l’apertura serale dei principali monumenti del centro storico dal 3 Luglio al 29 Agosto.

Dal 3 Luglio in poi l’ingresso ai monumenti di seguito elencati avverrá a pagamento, in loco, oppure potrete prenotarvi al link sotto indicato https://www.restartpalermo.it/

Durante i giorni feriali saranno nuovamente visitabili anche altri monumenti della diocesi, siti Unesco come il Palazzo dei Normanni e altri complessi monumentali. Per tutti questi luoghi sará sempre necessaria la prenotazione chiamando direttamente alla segreteria dei siti oggetto di visita.

A Palermo, riaprono i battenti anche i piú importanti musei della cittá. Tra questi: la Galleria regionale di Palazzo Abatellis, il Museo archeologico Salinas, i siti Unesco arabo normanni di San Giovanni degli Eremiti e Palazzo della Zisa e molti altri dislocati anche in altre province siciliane. Per contingentare gli ingressi, sará necessario prenotarsi con largo anticipo indicando i propri dati personali e la fascia oraria di riferimento.

Il link di riferimento è https://youline.eu/laculturariparte.html

Adesso vediamo un pó nel dettaglio dove focalizzare la nostra attenzione. Alcuni monumenti sono assolutamente imperdibili e non potranno essere esclusi dal vostro soggiorno a Palermo o dintorni.

Palazzo reale o dei Normanni

Palazzo reale o dei Normanni si classifica come un must a Palermo. Luogo tra i piú importanti in Sicilia, la visita di questo grandissimo complesso monumentale vi lascerá senza fiato.

All’interno del palazzo, antica reggia, dei re normanni, si trova la meravigliosa Cappella Palatina, fiore all’occhiello dell’itinerario arabo normanno di Palermo. Visitare la cappella palatina sará una delle esperienze piú belle del vostro soggiorno sull’isola. Una visita guidata condotta da guide turistiche abilitate vi consentirá di comprendere a fondo la complessitá e l’importanza di questo monumento.

Per visitare Palazzo dei Normanni, prenotatevi scrivendo a sicilyguidetourism@gmail.com

cappella palatina palermo

Per gli altri monumenti dell’itinerario unesco arabo normanno, potete consultare la pagine del mio sito web https://www.sicilyguidetourism.com/palermo-in-1-giorno/

Museo archeologico Salinas

Il Museo archeologico Salinas rappresenta uno dei musei piú visitati della regione siciliana e della nostra bella Italia per l’importanza dei reperti archeologici, ivi situati.

All’interno di quella che fu l’ex casa dei Padri Filippini, troverete la nuova esposizione museale portata a termine nel 2016. Nelle sale al pianterreno troverete esposte: stele e sculture romane, reperti di epoca fenicio-punica, suppellettili di varie epoche nonchè un’intera sezione dedicata alla cittá greca di Selinunte. Quí si trovano le stupefacenti metope dei templi del Parco archeologico di Selinunte e tantissimi pannelli esplicativi che vi permetteranno di comprendere a pieno la grandiositá di questa importantissima colonia greca di Sicilia.

Per prenotare la vostra visita non dimenticate di registrarvi al link https://youline.eu/laculturariparte.html

Nel museo è stato inoltre realizzato uno spazio di aggregazione, sul modello dell’antica agorá greca, dove potrete sostare e nel frattempo ammirare le sculture leonine del Tempio della Vittoria, il piú importante edificio di culto dell’antica cittá greca di Himera, area archeologica situata a pochi km di distanza da Termini Imerese, provincia di Palermo.

Per info e visite guidate, scrivete a: sicilyguidetourism@gmail.com oppure consulate la pagina di seguito riportata.

Museo archeologico Salinas.
Museo archeologico salinas

Il quartiere Kalsa con la Chiesa di Santa Maria dello Spasimo

Una visita a parte merita tutto il quartiere della Kalsa di Palermo, antica cittadella fortificata, fondata dall’emiro arabo al tempo della conquista musulmana di Palermo. Oggi, in questo quartiere, tra i piú antici di Palermo, di arabo non troverete piú nulla se non il suo nome: Kalsa dall’arabo “Al- Halisah”, l’eletta. Questo fu l’epiteto che l’emiro diede alla sua cittadella situata vicino l’antico porto della cittá.

La Kalsa è oggi un quartiere in grande fermento. Luogo di ispirazione per moltissimi streeters, quí si trovano murales di grandi dimensioni e tra queste non potevano mancare le immagini di alcune delle icone palermitane per eccellenza, come Santa Rosalia, patrona di Palermo.

Murales Kalsa, Palermo
Murales Kalsa, Palermo

In questo luogo, si trova un piccolo gioiello architettonico del XVI secolo: la chiesa di Santa Maria dello Spasimo. Per questa meravigliosa chiesa cinquecentesca, il pittore Raffaello Sanzio realizzó il dipinto dello Spasimo, tristemente portato via da Palermo ma oggi conservato nel Museo del Prado di Madrid. Oggi, una bellissima gigantografia, recentemente realizzata, è stata collocata dentro un bellissimo altare marmoreo recentemente restaurato all’interno della Chiesa dello Spasimo. Una storia avvincente vi porterá indietro nel tempo facendovi ripercorrere le tappe del viaggio che avrebbe portato l’opera originale dalla Sicilia alla Spagna.

Moltissimi sono i luoghi e i monumenti da raccontare, in una Palermo che vi stupirá per l’importanza della sua storia e la bellezza dei suoi palazzi, chiese e musei e, perchè no, anche per la sua frizzante vita notturna. Attenti peró a rispettare sempre le regole previste e ad utlizzare le mascherine.

E se alla fine di tutto questo avrete voglia di prenotare una piacevole visita guidata, potrete scrivere a: sicilyguidetourism@gmail.com oppure contattarmi al numero 3294356146

Chi Sono
Ciao, sono Alessia, guida turistica e restauratrice di beni culturali. Appassionata di arte, turismo, e digital comunication, racconto con passione e colore la mia splendida Sicilia. Viaggio nel mondo in cerca di frammenti di Sicilia che racconto attraverso le mie foto e il mio blog. Seguitemi perchè troverete tantissime informazioni utili e simpatiche curiosità.

Lascia un commento

*